Smart city: gestire e utilizzare i dati strategicamente!


I dati rilevati dai cittadini, dai dispositivi (es. gli smartphone), dalle proprietà/beni, che vengono processati e analizzati per il monitoraggio di servizi di pubblica utilità, quali il traffico, il sistema dei trasporti, le centrali nucleari, le reti di rifornimento idrico, i rifiuti, il crimine, gli ospedali, le scuole e altri servizi utili alla comunità come ad esempio l’ICF (Classificazione internazionale del funzionamento, della disabilità e della salute). 

L'ICF è una delle tre classificazioni di riferimento dell'OMS. L'OMS le ha concepite allo scopo di raccogliere e scambiare informazioni su patologie e su interventi sanitari in maniera standardizzata. Il concetto di Smart City e IoT viene coinvolto in questo contesto perché Il funzionamento degli individui e le disabilità sono percepite dall'ICF come il risultato dell’interazione tra le condizioni di salute della persona e i fattori ambientali/personali.
 

Un'area urbana può definirsi Smart City...

 
  • Quando fa risparmiare tempo alle persone su compiti, adempimenti, impegni verso la collettività/ se stessi;
  • Quando rende il territorio fornitore attivo di informazioni per consentire, a chi “gestisce” il territorio, di intervenire prima di essere chiamati a farlo;
  • Quando eroga servizi sui dati forniti dal territorio.


Per generare questo flusso di dati è necessario dotarsi di una infrastruttura di comunicazione. Ma grazie a Luminibus non è assolutamente necessario investire in tale infrastruttura ma si sfrutta l’impianto di illuminazione pubblica come griglia (smart grid) per comunicare informazioni utili al funzionamento della smart city.

L’impianto di illuminazione pubblica è in grado di ricevere e inviare dati tramite ogni lampione e quadro elettrico. I sensori intelligenti sparsi sul territorio possono sfruttare Luminibus per trasmettere i dati ad un sistema centrale, che, come risposta, fornisce il servizio al cittadino.

I sensori intelligenti sono dispositivi di piccole dimensioni, semplici ed economici, che vengono installati sul territorio in luoghi strategici, dove un servizio deve essere erogato oppure un dato di monitoraggio deve essere ottenuto. Forniscono dati semplici relativi a misure fisiche; il sistema centrale li aggrega per produrre informazioni significative come ad esempio allarmi relativi a situazioni potenzialmente insidiose (come il formarsi del ghiaccio sul manto stradale o un fiume/tombino che sta per esondare).

Grazie all’enorme crescita dell’utilizzo degli smartphone, tali sensori stanno divenendo sempre più numerosi, di alta qualità e affidabilità, ma al tempo stesso molto più economici.

In base alla sapienza nel combinare le informazioni “molecolari” che i sensori producono, è possibile erogare servizi di tipo macchina-macchina legati a temi come la raccolta rifiuti, lo spargimento sale sulle strade, il monitoraggio del traffico, la prevenzione allagamenti, il pagamento dei parcheggi, il controllo delle stazioni di ricarica elettrica per automobili e biciclette, le stazioni di noleggio biciclette, l’accesso a spot wi-fi, le telemisure, la videorsorveglianza, la segnaletica digitale, le stazioni di fissaggio per defibrillatori (DAE), gli allarmi SOS e molto altro.

Una combinazione infinita di sensori intelligenti può essere collegata alla smart grid Luminibus per erogare servizi alle persone in casi di bisogno.

Smart City Platform per integrare tutti i servizi della città in un'unica piattaforma!

Scarica Smart City PDF